Per motivi tecnici salterà l'aggiornamento di questa settimana.

Ce ne scusiamo con i nostri lettori.

Torneremo Domenica 19 luglio

Settimanale Anno XVI
Numero 716 del 5 LUGLIO 2020
Tel. 346 8046218
Auschwitz pone interrogativi sul perchè... Stampa E-mail
Scritto da RENZO BALMELLI da L'avvenire dei Lavoratori   

Auschwitz pone interrogativi sul perché sia accaduto.

Interrogativi che cercano ancora oggi una risposta.

 

 INTERROGATIVI. 

A settantacinque anni dal giorno in cui le truppe dell’Armata Rossa liberavano i sopravvissuti di Auschwitz, corre più forte che mai l’obbligo di non dimenticare l’orrore del male assoluto. Se n’è parlato, se ne parla e bisognerà continuare a parlarne affinché non vada perso neppure un solo lembo della memoria che a volte sembra svanire nei fumi dell’indifferenza. Secondo alcuni sondaggi l’antisemitismo non solo è ancora diffuso, ma tende a crescere alimentato dall’assurda convinzione che gli ebrei non dovrebbero insistere a evocare l'immonda “soluzione finale” e ciò che è accaduto durante l’Olocausto. Vengono i brividi a sentire certe infamie. Le cerimonie per l’importante anniversario sotto la ripugnante scritta Arbeit macht frei, indelebile e raggelante testimonianza di una società che aveva perso la ragione, sono valse se non altro a rinnovare l’appello affinché un simile orrore non si ripeta mai più. Auschwitz tuttavia pone interrogativi lancinanti sul perché sia accaduto; interrogativi che cercano ancora oggi una risposta.

 

SEGNALE.

 Per la politica valgano come monito da tenere sempre presente, i dati dell’ultima indagine Eurispes. Se ne ricava un quadro d’assieme non privo di ombre nel constatare che dal 2004 a oggi il numero di chi pensa che la Shoah non sia mai esistita è aumentato in modo esponenziale: dal 2,7 percento di allora al 15,6 di oggi. Di pari passo trova un “discreto consenso” l’affermazione secondo cui Mussolini sia stato un grande leader che ha solo commesso qualche sbaglio. Sull’altro versante la percezione è tuttavia e per fortuna molto diversa e per niente incline a sottovalutare la tendenza in atto. Forte tra l’opinione pubblica è la consapevolezza che la recrudescenza del fenomeno sia la conseguenza di un diffuso linguaggio basato su odio e razzismo. Vi è dunque tra gli intervistati – ed è un segnale rassicurante – la netta convinzione che il problema non soltanto c'è, ma che in nessun modo va sottovalutato per non creare una frattura nel Paese.

  

 Renzo Balmelli da  L’avvenire dei lavoratori

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information