Settimanale Anno XVI
Numero 722 del 27 settembre 2020
Tel. 346 8046218
Da il NEGRIN gli statuti di Celle 1414 Stampa E-mail
Scritto da A CIVETTA   

Da il NEGRIN gli statuti di Celle 1414

A tutti coloro che amano Celle, Cellesi e no, perché scoprano un pezzetto della sua Storia”.

Dedica dell’Edizione a cura del Comune di Celle - Marzo 1983 - Traduzione di Anna Paola Castagno.

Un po’ di Storia introduttiva la proporremo nel prossimo numero, per i  Capitoli che andremo a pubblicare  man mano scegliendo quelli più curiosi, gli ancora e sempre attuali, o di abbinamento a qualche ‘pezzo’, come l’attuale, o agli argomenti trattati. Qui cominciamo con quello sulla pesca per correlazione con il racconto che precede. 

 

 

"CAP.10 – SUI PESCATORI CHE PESCANO 

SULLA RIVA O NEL MARE DI CELLE

 

Tutti i pescatori e coloro che svolgono questa attività nel mare o sulla riva di Celle e anche coloro che “tirano le reti” ed i loro collaboratori debbano vendere a chiunque lo desideri e portare oppure far portare a vendere di ciascuna cesta di pesce pescato in mare o sulla riva o con le reti fino a una quarta parte del prodotto (*) oppure in più o in meno a secondo l’ordine ed il beneplacito dei Ministrali di Celle(*1). La vendita deve essere tenuta nei luoghi soliti, cioè dal fossato di Glaria  (*2) al Carruggetto. Non si debba portar via il prodotto della pesca dai luoghi stabiliti fino all’ora fissata e si debba vendere secondo i prezzi stabiliti.

Nei giorni in cui si può mangiare carne, i pesci si vendano in ragione di 2 denari (*3) ecc. per ogni libbra di palamiti (1) e di tonno, di 6 denari per ogni libbra di “Cecchia” (2) o dentice; di 1 denaro per ogni libbra di “parazerra” (3) (*4).

"Nei giorni di quaresima invece, si vendano in ragione del doppio alla libbra a seconda della qualità di pesce. Se qualche pescatore o qualche suo aiutante  avrà trasgredito le predette disposizioni, sia condannato ad una multa di 5 soldi (*5) di detta moneta di cui la metà sia applicata a favore della Comunità e l’altra metà dei Ministrali.

Se al presente o al futuro sarà tenuta una vendita all’ingrosso di qualche quantità di pesce e qualche  persona  del luogo o forestiera, presente alla vendita, abitante o meno in Celle, vorrà comprare una parte di pesci in quantità stabilita e al prezzo stabilito o da stabilire, i pescatori o i loro collaboratori siano autorizzati a vendere una parte dei pesci purchè tale persona abbia prima concluso un adeguato contratto di vendita.

Per il resto, altrimenti i pescatori o qualcuno dei loro collaboratori non possano fare o permettere altra vendita di pesci pescati con le reti nel mare o sulla costa, tranne nel caso in cui abbiano raccattato o preso pesci pescati in altro modo. E se qualcuno dei pescatori dei loro collaboratori avrà trasgredito tali disposizioni, sia condannato ad una multa di 3 libbre genovine (*6) ecc. di cui la metà vada a favore della Curia e l’altra metà al testimone accusatore.

 

Note.  (1) Il testo riporta “paramie”.  Il  Rossi ne assimila il significato a dentexus = dentice. Il Casaccia invece parla di “pamìa”,  cioè di palamita o palamis sarda, pesce del genere degli sgombri, quasi simile al tonno ma molto più piccolo, di colore  turchino  cupo e  rigato. 

 

 (2) Il termine corrisponde a “leccia” o lampuga dorata – dal Dizionario  genovese-italiano  e  vv. 1910 di G. Frisoni – o anche a scomberoncia: pesce di color verdiccio o azzurrino, come l’ombrina, con cui ha similitudine, senonchè è senza  scaglia  ed  ha  la  testa alquanto più aguzza; la sua carne è bianca, grossa e di ottimo  sapore:  G.Casaccia.  [Il testo originale riporta ‘lecchie, ficus et dentexi’ e successivamente cita ‘sardenarum, amplutarum seu zerlorum’ sardine, acciughe e zerli, di cui però non v’è cenno nella traduzione; forse per difficoltà con quell’amplutarum: gen.pl. di ampluta = acciuga, da S.Aprosio, vol.A-L, 2001, n.d.r.]

 

 (3) Per questo termine è stato necessario lasciare la traduzione letterale (v/ *4)

 

N.d.r(*) ‘Quarta parte del prodotto’ cioè un quarto alla vendita in proprio del pescatore ed il resto bene pubblico della Comunità. 

 

(*1) ‘i Ministrali’: due uomini saggi del Comune di Celle, scelti ed eletti dagli otto Consiglieri comunali, in carica per sei mesi.

 

 (*2) ‘fossato di Glara’: nel testo ‘fossato Glarie’ che, correlato al ‘Currubietum-Carruggetto’, l’odierna Via Ghiglino da una parte e Via Aicardi dall’altra, è da leggersi ‘Ghiare’, il nome del nostro torrentello. 

 

(*3) ‘denari’: il ‘denaro’ era la 240.ma parte della ‘libbra’ o ‘lira’ in argento prevista dalla riforma monetaria europea di Carlo Mano (700-800 a.C.) in contrapposizione della pressochè equivalente ‘tari’ circolante nel Mediterraneo, suddivisa in ‘tarini’. 

 

(*4) ‘parazerra’: nel testo ‘pisces…parazenarum’, qui e in passo precedente: cioè il pescato della ‘paranza’, rete a strascico da natante, non da riva (sciabica), ma usata in varie modalità stanziali specie in lago e in fiume, a paracadute capovolto. 

 

(*5) ‘soldi’: il ‘soldo’ era la 20.ma parte della ‘lira’. 

 

(*6) ‘libbre genovine’: la già vista ‘libbra-lira’ d’argento, diventa ‘genovino’ o ‘genoino’ in conio d’oro (3,5 gr. oro 24 kt – diam. 22 cm.), prima coniazione nel 1252, con perdurante diatriba sull’aver battuto di alcuni mesi il ‘fiorino’ di Firenze, pressochè simile per peso e valore.

 

 

 A Civetta - Periodico di critica, cultura e informazione

NUMERO 35

 

 

Share/Save/Bookmark
 
Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information