Settimanale Anno XVI
Numero 720 del 13 settembre 2020
Tel. 346 8046218

Mussolini mon amour

Commenti (1)
Clinica psicanalitica e verità
1Domenica 05 Luglio 2020 11:22
admin







Clinica psicanalitica e verità La psicanalisi non ha mai avuto un buon rapporto con la filosofia, ad esempio l’enunciato cartesiano “Penso dunque sono” trova nel pensiero psicanalitico la contrapposizione “Penso dunque è”. Ossia nessuno è padrone in casa propria, in quanto una parte della costituzione strutturale, psichica e culturale, dell’essere umano soggiace a rimozione profonda, in una zona temporale meta psicologica praticamente conoscitivamente inesplorabile senza appositi apparati scientifici di ascolto legati alla pratica psicanalitica freudiana. A fronte oggi di uno scientismo e un arcipelago di psicoterapie brevi che trattano l’inconscio a palmi, ignorando i raffinatissimi meccanismi che l’inconscio mette in atto politicamente nella formazione dei sintomi, precisamente tra forze psichiche diverse rappresentate dall’Io, e il Super Io, (ossia senso della realtà e vigilanza della legge), occorre riprendere il valore della soggettività come istanza di formazione etica e via di superamento della divisione del soggettività umana tra Io e inconscio. Il linguaggio volgare e insulso dei politici e dei loro sostenitor i a mezzo stampa mai è stato così sintomatico dal dopo guerra a oggi, ciò coincide nel campo culturale con la scomparsa nel fine millennio dell’importanza data dai media alla psicanalisi, all’inconscio, considerati oggi alla stregua di pratiche terapeutiche da strizza cervelli che si occupano degli sfigati del momento. L’estensione politica oggi del sovranismo e del populismo, cioè di movimenti carenti di scientificità, odiatori per principi clinici soggettivi, linguisticamente caratterizzati da seduzioni da quattro soldi, privi di stile, incapaci di disegnare un progetto politico che educhi il popolo ad un avvenire che interessi la società intera, denota nei protagonisti sintomi clinici di grave entità, spaccature soggettive da loro stessi ignorate e proprio per questo desinate ad aggravarsi. Purtroppo come ci insegna la psicanalisi la nevrosi attrae, per chi ne è colpito è quindi più facile sedurre le masse, e a convalida di ciò numerosi sono gli esempi storici (Hitler, Mussolini, Stalin, Trump, etc.). Riportare al centro di un dibattito il fascismo, lo stalinismo, il terrorismo, è importante se gli studi relativi tornino a parlare di soggettività dei protagonisti, presi, studiati, nel profondo delle loro personalità, intesi nelle loro numerose specificità enigmatiche, senza fretta di sintetizzare il giudizio, lontano da ogni manuale sulle tipicità caratteriale o da schemi biografici precostituiti quindi poveri di verità profonde e privi di strumenti interpretativi psicanalitici. Carenze metodologiche di studio che mi sembra caratterizzino gravemente alcuni articolisti abituali di Truciolisavonesi.


Biagio Giordano


 
Banner
Banner
Banner
Banner

Ricevi le News da Truciolisavonesi

Login

Registrati per poter commentare gli articoli





Il sito non è una testata giornalistica, si basa su attività di volontariato.

Gli autori dei testi sono responsabili dei dati, delle analisi delle opinioni in essi contenuti

Copyright © 2010 truciolisavonesi. All rights reserved.

Designed by Massa

 

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo impieghiamo i cookie. Chiudendo questa notifica o navigando sul sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our use of cookies. privacy policy.

EU Cookie Directive Module Information